• Rotary Club Recanati - Giacomo Leopardi
  • Rotary Club Recanati - Giacomo Leopardi
  • 1
  • 2

News dal Club

  • Assemblea del Club

    L'assemblea del Rotary Club di Recanati ha eletto all'unanimità Patrizia Manzotti Presidentessa del Club per l'anno 2018-2019. Nella foto il Read More
  • Rotary in Fiera

    Grande successo della manifestazione Rotary In Fiera organizzata dal Distretto 2090 in collaborazione con il Rotary Club di Recanati Giacomo Read More
  • 1

Progetto Art Bonus: ristrutturazione della Torre Civica di Recanati

La manutenzione e riqualificazione Torre civica di Recanati si farà grazie al Rotary Club Recanati.

E’ un grande orgoglio comunicare che grazie all’impegno del ns. Club, entro questi primi cinque mesi del 2016 si porterà a compimento l’opera di sistemazione e riqualificazione del monumento simbolo della ns. città, la Torre Civica, la cui inaugurazione avverrà nella prima quindicina di giugno 2016 forse con la presenza del Ministro Franceschini.

In un recente incontro con il Sindaco Fiordomo lo stesso Ministro ha dichiarato ” Prendo atto con soddisfazione come l’Art Bonus stia stimolando il mecenatismo dei recanatesi e sia decollato immediatamente grazie all’impegno del Rotary, tanto da superare la somma necessaria per l’intervento di recupero complessivo dello storico manufatto situato in piazza Giacomo Leopardi” .

Il fatto è stato diffusamente comunicato sui media ed il contributo del ns. Club al raggiungimento del risultato è stato particolarmente evidenziato.

L’attività, tra l’altro molto impegnativa, è consistita innanzitutto nell’individuare una chiara ed efficace forma di comunicazione, inviando inizialmente a diversi imprenditori recanatesi (partendo ovviamente dai maggiori) una richiesta di contributo integrata con il progetto, il dettaglio degli interventi ed una esauriente spiegazione sugli aspetti fiscali per il recupero.

A questa prima fase di contatto ha fatto seguito, in molti casi, l’incontro con l’imprenditore perché, in tali situazioni in cui si va a chiedere del denaro, spiegando come e dove verrà utilizzato, è determinante “metterci la faccia”.

L’operazione non si era ancora potuta ritenere conclusa perché dapprima hanno fatto seguito solleciti sotto varie forme a coloro che avevano aderito, poi agli stessi sono state inviate tutte le istruzioni per il bonifico e l’iscrizione sull’elenco dei mecenati e alla fine si è fatto un controllo incrociato con la segreteria comunale.

A fronte di una spesa complessiva prevista di € 87.783,20 il Sindaco ci aveva chiesto di dargli una mano nella raccolta dei contributi e sarebbe stato già un successo far pervenire nelle casse comunali la metà dell’importo: si è fatto molto di più!!

Ovviamente grazie a noi ed agli imprenditori che nella stragrande maggioranza hanno accettato di contribuire.

Si è pervenuti infatti all’importo di € 90.500,00 e nell’incontro che si è svolto alla presenza delle autorità comunali che hanno ovviamente trasmesso i più sentiti ringraziamenti, abbiamo concordato la destinazione della maggiore somma introitata la quale verrà impiegata sia per sistemare e rendere visibile il locale dell’orologio, sia per la predisposizione di bacheche per mostre sui primi livelli della torre.

Il ns. Club ha versato € 6.000,00 attraverso il contributo di 21 soci (dei quali Tanoni e Ortolani hanno anche versato una ulteriore somma come azienda) oltre ad altri tre soci che hanno effettuato i versamenti tramite le rispettive aziende ( Stelvio Lorenzetti x la Eko, Alessandro Guzzini x la Finlabo, Vanni Elisei x Effetto Luce).

Ritengo doveroso ricordare che ai soci è stato richiesto il solo pagamento del costo reale dell’operazione (quindi al netto del contributo), mentre Nino Tanoni, che ringraziamo, si è cortesemente offerto per anticipare l’intero importo lordo e tutte le incombenze per il recupero fiscale rimarranno a suo carico.

La ns. azione sul territorio è e sarà sempre più importante ed in particolare questo progetto ed il risultato conseguito hanno sicuramente fatto ulteriormente conoscere il Rotary, la sua organizzazione, i suoi valori, le sue finalità, i risultati raggiunti e pertanto è fondamentale comunicare ciò che viene fatto e farlo percepire nel modo giusto.

Troppo spesso infatti l’opinione pubblica ha del Rotary una visione distorta, di gente che si ritrova solo per le conviviali, elitaria, chiusa verso la Comunità. Come ho già avuto modo di dire, un Club che opera ma che non comunica “non esiste” e altresì un Club che comunica male può “alimentare pregiudizi”.

Donato l'archivio rotariano del Conte Pierfrancesco Leopardi

Eccellente donazione che arricchisce l'archivio storico e il Patrmonio del Rotary Club di Recanati. Il conte Vanni Leopardi, discendente del poeta Giacomo, consegnerò al Club di Recanati tutto il materiale Rotariano del padre, conte Pierfrancesco quando è stato Governatore del Distretto del Rotary che allora comprendeva anche il Lazio e la Sardegna. Tutto il materiale una volta selezionato e catalogato, diverrà patrimonio non solo del Club di Recanati ma verrà messo a disposizione dei Club del DIstertto 2090.

Villa Colloredo Mels di Recanati

L’ultimo mese dell’anno si è aperto all’insegna della cultura e degli impegni istituzionali per il nostro club. Giovedì 3 dicembre, infatti, molti di noi hanno partecipato alla visita del museo dell’emigrazione ospitato presso il complesso della splendida villa Colloredo Mels di Recanati. Dal 10 dicembre 2013, infatti, è attivo ufficialmente un ampio spazio dedicato agli oltre 700.000 Marchigiani emigrati all’estero.

Il Museo nasce per volontà del Comune di Recanati e della Regione Marche, ed è stato realizzato grazie al cofinanziamento del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale.

L’obiettivo è quello di far conoscere la storia dei flussi migratori che hanno caratterizzato la nostra regione in maniera realistica e veritiera, cercando di coinvolgere un pubblico il più vasto possibile.

Tantissimi i documenti storici e personali dei migranti come passaporti, certificati, foto, lettere, diari e memorie di persone che, a causa della povertà della vita degli anni tra l’ottocento e il novecento, hanno dovuto compiere la difficilissima scelta di abbandonare le loro case e la loro terra per cercare una vita migliore.

Degna di nota l’area multimediale interattiva capace di condurre il visitatore in un viaggio nel passato alla ricerca delle diverse esperienze e peripezie affrontate dai nostri avi all’estero. Da ultimo, la possibilità di utilizzare banche dati storiche permette la ricerca di parenti e amici emigrati tempo fa. È quasi superfluo sottolineare il grande successo che tale percorso ha riscontrato anche in tutti i nostri soci, taluni dei quali hanno potuto anche ritrovare il racconto di storie relative a propri parenti prossimi.

Dove siamo

Chi siamo

Il club è costituito da un gruppo persone che si è avvicinato con entusiasmo al Rotary International sposando da subito i fondamentali principi dell'istituzione che fanno, dell'etica professionale, dell'amicizia e del servire al di sopra di ogni interesse personale lo scopo del loro sodalizio.